Skip to main content

VISION

L’obiettivo è quello di rappresentare l’Università degli Studi di Udine al campionato Formula SAE.

La Formula SAE è una competizione lanciata dalla sezione SAE (Society of Automotive Engineers) dell’università di Austin, Texas nel 1981. Il concetto alla base della Formula SAE è incentrato sull’idea che una società di produzione fittizia incarichi un team di progettazione di studenti per sviluppare una piccola macchina da corsa in stile Formula. Ogni team di studenti progetta, costruisce e testa un prototipo basato su una serie di regole fornite dalla stessa SAE. Con il tempo la competizione prese piede in molte Università del Nord e Sud America, coinvolgendo anche alcuni tra gli atenei più prestigiosi, fino ad arrivare in Europa con il nome di Formula Student.

Quest’ultima si differenzia dalla Forumla SAE originale solo per piccoli dettagli regolamentali adattati al contesto Europeo. Il formato di gara segue il seguente schema:

Verifiche tecniche

  • Techs: ispezione generale da parte dei giudici atta a verificare la conformità al regolamento.
  • Tilt test: aggancio della vettura a una piattaforma chiamata “tilt table” in grado di inclinare il prototipo fino ad un angolo di 60 gradi al fine di verificare che non ci siano fuoriuscite di liquidi e di ricreare le accelerazioni laterali alle quali l’auto si trova nel corso della competizione in pista.
  • Rain test: consiste nel bagnare da qualunque direzione possibile per 120 secondi e l’integrità della centralina ne certifica il passaggio. Ispezione parallela al noise test al quale sono sottoposti i prototipi delle categorie CV (Internal Combustion Engine Vehicles) dove i giudici si accertano che il motore, girando a diversi regimi, non superi i 110dB.
  • Brake test: la vettura deve essere in grado, dopo una prima fase di accelerazione, di bloccare contemporaneamente tutte e quattro le ruote in un area delimitata senza che ne comporti lo spegnimento del motore.

 

Prove statiche

  • Cost Report: consiste in un report che documenta ogni componente costituente il prototipo con il relativo prezzo sostenuto il quale viene inviato prima della competizione per poi discuterne le scelte durante l’evento, questo permette di non valutare solo il costo del prototipo, ma anche l’abilità del team di produrre una stima accurata dei costi di progettazione e produzione.
  • Business Plan Presentation: trattasi di una presentazione finalizzata a valutare l’abilità del team a convincere degli ipotetici finanziatori per la produzione in serie del proprio prototipo avendo un target di clientela prefissato. La giuria è composta da persone provenienti dal mondo dell automotive con un esecutivo rappresentante di varie aree, inclusi manager di produzione, marketing e finanza.
  • Design Event: uno degli eventi più importanti dove vengono valutate, chiarite e giustificate tutte le scelte del progetto.

 

Prove dinamiche

  • Acceleration: prova a tempo in un percorso rettilineo su superficie piana di 75m.
  • Skid Pad:  consiste nel percorrere sia sul bagnato che sull’asciutto un percorso a 8.
  • Autocross: prova di sprint in un circuito composto da brevi rettilinei, curve, slalom tra dei coni e chicanes, inoltre il risultato di questa prova determina i piazzamenti alla partenza della prova di Endurance.
  • Endurance (and Efficency): prova che chiude l’evento, vede i due piloti alternarsi a metà gara su un tracciato di circa 22km, alla fine dei quali la vettura viene lasciata nel parco chiuso in modo da consentire ai giudici di verificare la batteria residua e in base alla quale vengono definiti i consumi medi grazie ai quali verranno attribuiti i punteggi della prova di Efficiency.

 

TARGET

Noi puntiamo a sviluppare la nostra monoposto per gareggiare nella divisione elettrica dei principali eventi di Formula Student e Formula SAE dando inizio (con l'inserimento di nuovi studenti) a un ciclo di  nuove vetture portando così beneficio in primis agli studenti, i quali vengono preparati sul campo per la futura vita lavorativa, e alle aziende le quali hanno la possibilità di finanziare la creazione di nuove tecnologie oltre che formare i loro futuri ingegneri.